Guadagnare con l’oro è davvero possibile

Guadagnare con l’oro: oggi si può.
Si tende a pensare all’oro sotto forma di gioielli, di monete o di lingotti che sono ottimi elementi da investimento e che possono rendere guadagni anche cospicui. Ma il mondo dell’oro ha mille sfaccettature e tutte possono essere intese come potenziale fonte di guadagno. Il periodo poco felice che stiamo attraversando ha scatenato una vera e propria corsa verso le fonti di profitto più sicure e redditizie. Partiamo dal fatto che la stragrande maggioranza dell’oro viene utilizzata nel settore orafo per la realizzazione di gioielli.
In realtà, l’oro puro non è indicato per creare monili ma ad esso devono essere aggiunte altre leghe quali palladio, argento, platino, rame e quant’altro altrimenti non potrebbe essere lavorato perché troppo morbido. Non tutti sanno invece, che l’oro essendo un ottimo conduttore di elettricità, trova largo impiego nel settore industriale.
Quest’uso è dovuto al fatto che l’oro è considerato ‘il metallo eterno’ poiché incorruttibile ed inattaccabile da qualsiasi sostanza chimica. L’oro si trova in quasi tutte le apparecchiature elettroniche e da qui è arrivata la conclusione che il materiale prezioso si possa recuperare e facilmente monetizzare presso i negozi di compro oro.
Il business che si prevede è notevole e sembra quasi di essere ritornati ai tempi della febbre dell’oro del Klondike. Il recupero dell’oro non è una moda del momento ma una realtà.
Recuperare l’oro dai componenti elettronici potrebbe apparire una moda del momento infatti, il web impazza di video dedicati all’estrazione. Tuttavia, non è facilissimo estrarre l’oro da componenti come scheda madre, connettori, piedini e alloggi per la Ram, scheda d’espansione, processori e chipset perché occorrono una certa dose di esperienza e gli attrezzi giusti. È doveroso menzionare i rischi che comporta l’estrazione casalinga del materiale giallo dai componenti elettronici. Le operazioni di recupero prevedono l’uso di utensili come il cannello ossidrico e l’utilizzo di sostanze altamente nocive. Sebbene il recupero dell’oro dai rifiuti elettronici possa apparire allettante, è meglio aspettare che inventino metodi casalinghi meno pericolosi. Proprio per questo motivo, esistono aziende che si occupano del recupero dell’oro con ovvie misure precauzionali. Le sostanze come cianuro ed altri acidi nocivi alla salute, sono impiegate con estrema perizia e da personale altamente specializzato, per questo è opportuno portare l’oro da recuperare presso un negozio compro oro, questi porteranno i componenti presso un banco metalli che provvederà a fondere il metallo e a separare l’oro puro, dalla lega. Nuovi studi permetteranno di recuperare l’oro in modo consapevole. Si parla tanto di realtà ecosostenibili e di salvaguardia dell’ambiente e molte aziende stanno sviluppando concreti atteggiamenti per tutelare l’ecosistema in modo consapevole. Si tratta di recuperare l’oro con sistemi meno aggressivi ossia utilizzando ‘l’alfa-ciclodestrina’ che deriva dall’amido ed è innocua. Sono studi ancora in via di sperimentazione ma che stanno compiendo passi da gigante perché si è compreso subito che dai materiali di scarto informatico, si possono ottenere notevoli guadagni. Grazie a queste considerazioni, stanno nascendo dei consorzi specifici in materia. Il consiglio che si può dare ai comuni cittadini che desiderano guadagnare, è quello di rivolgersi ad operatori professionali del banco metalli o dei compro oro. È chiaro che bisogna informarsi adeguatamente per imparare a distinguere la parti auree di un componente elettronico e poterle scartare dalle parti che non servono. Visto che la fonte di guadagno potrebbe rivelarsi altamente fruttuosa, molti si stanno dedicando a quest’attività proprio come se fosse un lavoro. I mercatini dell’usato sono pieni di apparecchi elettronici in disuso e che anche se non funzionanti, contengono particelle di metallo prezioso.
Naturalmente per rendere interessante questa operazione occorre acquistare una certa quantità di rifiuti elettronici. Si sta facendo strada la convinzione che estrarre oro dai componenti elettronici sia una vera e propria miniera perché il valore del metallo giallo continua a salire. Si prevede che questa pratica continuerà ad avere successo con enorme vantaggio sull’ecosistema. L’impatto ambientale ne ricaverà benefici non indifferenti perché i rifiuti tecnologici saranno smaltiti in modo corretto. Le previsioni sono rosee proprio perché le operazioni di recupero dell’oro nei rottami elettronici, porterebbero come conseguenza positiva un impulso alla raccolta differenziata.